Imposta sostituiva sulla rivalutazione del TFR: calcolo e dettagli

Mercoledì, 22 Novembre 2017 10:01

Imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR

Il TFR rientra tra le retribuzioni differite. Questo sfasamento temporale tra il momento della maturazione e quello dell’effettiva percezione della somma fa sorgere l’obbligo in capo al datore di lavoro (anche in caso di TFR confluito al Fondo Tesoreria), di riconoscere un importo aggiuntivo a titolo di rivalutazione. L’articolo 2120 del Codice dispone non solo l’obbligo di effettuare la rivalutazione del fondo, ad esclusione della quota corrente, ma detta anche le regole al fine di determinarne l’entità. La rivalutazione così determinata, subisce poi in differenti momenti, l’applicazione di un imposta sostitutiva, di cui di seguito si indicano le modalità di determinazione.

 

Ricostruzione del Fondo del TFR

L’articolo 2120 C.C. fornisce indicazioni al datore di lavoro circa le modalità da seguire al fine di ricostruire la consistenza del Fondo del TFR per ciascun lavoratore. In sintesi, le operazioni da effettuare ai fini della ricostruzione del fondo sono indicate nella tabella sotto indicata:

 

FONDO TFR

TFR al 31/12 Anno Precedente +

Rivalutazione TFR Anno precedente +

Imposta Sostitutiva -

Quota Corrente TFR +

Contributo 0,50% -

Fondo TFR anno in corso =

 

Esempio numerico di Ricostruzione del fondo

 

TFR al 31/12 /2013

+ 5.790,00

Rivalutazione TFR Anno precedente

(5790 * 2,224907/100) = + 128,82

Imposta Sostitutiva

(128,82*17/100) = - 21,89

Quota Corrente TFR

(28.000,00/13.5) = + 2074,07

Contributo 0,50%

(30.000,00*0.5/100) = - 150,00

Fondo TFR 31/12/2014 =

= 7821,00

 

Imposta sostitutiva TFR

La rivalutazione del Fondo subisce una ritenuta fiscale pari al 17% la quale viene successivamente versata dal datore di lavoro in due distinti momenti tramite il meccanismo dell’acconto e del saldo.

Il versamento dell’imposta sostitutiva sulla rivalutazione avviene, dunque, con il metodo del saldo e dell’acconto. Vediamo nello specifico.

 

Acconto imposta sostitutiva TFR: codice tributo e scadenza

tfr salvadanaioIl versamento dell’acconto dell'imposta sostitutiva del TFR avviene tramite l’utilizzo del codice tributo 1712 e deve essere versato entro il 16 Dicembre di ogni anno.

In base alla circolare del Ministero delle Finanze 20 marzo 2001, n. 29/E, il datore di lavoro può determinare l’acconto optando per uno dei seguenti sistemi:

  • Versamento del 90% dell’imposta sostitutiva pari al 17% sulle rivalutazioni maturate nell’anno solare precedente, tenendo conto anche delle rivalutazioni relative ai TFR erogati nell’anno;
  • Versamento del 90% dell’imposta sostituiva pari al 17% sulle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l’acconto è dovuto. In questo caso il sostituto dovrà effettuare una stima di quella che sarà la rivalutazione dell’anno in quanto, nel momento di liquidazione dell’imposta, non risulta ancora noto l’indice di rivalutazione del mese di Dicembre (metodo maggiormente diffuso).

 

Saldo imposta sostitutiva TFR: codice tributo e scadenza

Il versamento del saldo, ovvero la restante parte dell’imposta sostitutiva del 17% sulle rivalutazioni a saldo, viene effettuata entro il 16 Febbraio dell’anno successivo e dovrà essere versata con il codice tributo 1713.

Non di rado accade che il saldo del versamento dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni termini con un credito, in tali casi si applica quanto previsto dal DPR 445/1997, ovvero è possibile portare in diminuzione tale importo dai successivi versamenti.

 

Tesoreria

Il datore di lavoro, come previsto dalla circolare 70/E/2007 dell’Agenzia delle Entrate, è tenuto a rivalutare anche le somme accantonate in Tesoreria (aziende con più di 50 dipendenti).

tfr elemento prestazione

Lo stesso datore di lavoro provvederà poi a conguagliare l’importo versato relativamente alla rivalutazione della quota di accantonamento maturato presso il Fondo di Tesoreria, compensando il credito con i contributi dovuti per i propri dipendenti.

L’esposizione dell’imposta sostituiva avviene compilando il flusso Uniemens, valorizzando l’elemento ImpostaSostitutiva contenuto in Prestazione delle Denunce Individuali (v. immagine).

 

Esempio di determinazione dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni con metodo previsionale

(nota: gli indici di rivalutazione hanno valore puramente esemplificativo)

 

 

 FONDO TFR 31/12/17

 

71.517,88  

 

RIVALUTAZIONE FONDO TFR

 

 1.201,50

 

 INDICE PROSPETTICO

 

 1,68%

 

IMPOSTA ACCONTO 17%

 

 204,25

   

A) FONDO TFR 31/12/16

71.517,88

B) RIVALUTAZIONE FONDO TFR

1.374,96

INDICE EFFETTIVO

1,922535

IMPOSTA ACCONTO 17%

233,74

   

VERSAMENTO TRIBUTO 1712

204,25

IMPOSTA DOVUTA

233,74

 

SALDO TRIBUTO 1713

 

29,48

 


Gianfranco Nobis profilo

 

Gianfranco Nobis  Bottone b linkedin

HR Payroll Specialist presso ICCREA Banca Spa e Docente Formatore presso Make It So.

Tutti gli articoli di Gianfranco su www.focus-lavoro.it

 

Focus lavoro logo

 

Contattaci

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati.